Matteo Benedetti.jpg

MATTEO BENEDETTI

Nato a Gavardo (BS) nel 1991, si diploma in flauto (a.a. 2012/2013) col massimo dei voti sotto la guida del maestro Walter Guindani presso il conservatorio “Luca Marenzio” di Brescia. Durante il corso degli studi, è risultato vincitore (1° ex-aequo) del concorso interno "Chimeri" per l'assegnazione di borse di studio; ha frequentato le masterclass proposte in Conservatorio con importanti nomi del panorama flautistico (Cavallo, Zoni, Pretto, Grossi) e cameristico (G. Chimini, Phillip Moll) e gli è stata affidata la prima esecuzione assoluta del pezzo per flauto solo Aegipan composto dal maestro Giorgio Benati nel contesto del Festival Debussy di Brescia. Inoltre si è classificato primo nella selezione per l'attribuzione del Premio "Luca Marenzio" 2012/13. Sempre nel 2013 è stato flauto solista nell’esecuzione della favola musicale Pierino e il Lupo op.67 di S.Prokofiev proposta all’interno del “Progetto Giovani” del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo. Si è anche classificato primo nel concorso per l’attribuzione della Borsa di studio “Gasparo da Salò” (anno 2012/13) patrocinata dal Lions Club Brescia Host. In duo col pianista Stefano Ghisleri ha partecipato, tra gli studenti proposti dal Conservatorio di Brescia, alla stagione concertistica “Armonie sull’altopiano” 2013 presso Folgaria (TN). Nel contesto del “Festival D’Annunzio” (Bs, 2013) ha collaborato con alcuni docenti di Conservatorio (Artina, Chimini, Visioli e Travaglini), nell’esecuzione del pezzo E tu come una rupe di Sonia Bo, realizzato per l’occasione. Dal 2014 inizia a studiare sotto la guida del M° Marco Zoni (Primo flauto presso il Teatro alla Scala di Milano). Nel 2015 è risultato vincitore al primo posto del concorso "I migliori giovani artisti" promosso dal Lions Club Brescia Host, competizione che vedeva gareggiare tra loro tutti i vincitori delle precedenti edizioni del premio "Gasparo da Salò", organizzato dallo stesso Club. Nel 2016 inizia il Biennio di II livello di flauto sotto la guida del M° Massimiliano Pezzotti presso il Conservatorio "Luca Marenzio" di Brescia, sezione staccata di Darfo-Boario Terme. Nel 2017 ottiene, insieme all'ensemble di flauti "Holberg" il 2° premio (con primo non assegnato) nella Categoria E del concorso "Emanuele Krakamp" di Benevento; nello stesso anno si esibisce, in qualità di solista, con l'orchestra del conservatorio di Brescia eseguendo il Divertimento per flauto e orchestra op.52 di F. Busoni. Sempre nel 2017, in seguito al conseguimento dell'idoneità previa audizione, inizia la collaborazione con l'orchestra Haydn di Bolzano e Trento. Nel 2018 è finalista nel concorso per primo flauto presso l’orchestra del Teatro “La Fenice” di Venezia. Nello stesso anno è ospite, insieme al pianista Enrico Pompili, della rassegna “Genii a confronto”, promossa dalla cantante Denia Mazzola Gavazzeni, presso Astino (Bg), in occasione della quale esegue Chant de Linos di André Jolivet. Sempre nel 2018, il compositore bresciano Paolo Ugoletti gli dedica una Sonatina per flauto e pianoforte. Attualmente, dopo il conseguimento del Biennio di II livello in flauto col massimo dei voti e la lode, sta proseguendo gli studi di flauto col M° Bruno Cavallo, già primo flauto del Teatro alla Scala di Milano e di ottavino col M° Maurizio Simeoli, già ottavinista presso lo stesso Teatro. Parallelamente, ha conseguito la laurea triennale in Lettere moderne e la laurea magistrale in Filologia moderna, entrambe con lode, presso l’Università Cattolica di Brescia.